Skip to main content
search
Spesso un progetto di Digital Transformation ci pone davanti a diverse sfide: ti sei mai trovato in una di quelle situazioni in cui i problemi si susseguono e gli ostacoli da abbattere sembrano inespugnabili? Trovare una soluzione non è sempre semplice. In questo caso può essere d’aiuto utilizzare un approccio Agile, integrandolo con il Service Design Thinking. Come? Continua a leggere per scoprirlo.

Lo sviluppo Agile accelera la realizzazione di soluzioni digitali, il Service Design Thinking guida l’innovazione tramite idee di qualità, creatività ed è in grado di far emergere opzioni del tutto nuove.

Ma come possiamo unire questi due approcci?

Nulla di più semplice: entrambi hanno un focus primario centrale, ovvero l’utente.

Entriamo nel pratico: sotto troverai un elenco di tips che ho scritto in base alla mia esperienza in questo genere di progetti, e che mi hanno consentito di creare valore per gli utenti finali. 

Immergiti nella realtà del cliente

Come anticipato sopra, l’utente finale rappresenta il perno centrale; proprio per questo motivo ti consiglio di immergerti nella loro realtà per ottenere un vantaggio competitivo.

Come di certo saprai, l’Agile ha l’obiettivo di creare funzionalità non perché “piacciono”, ma perché creano un valore tangibile. Unire questo con il Service Design Thinking, può essere la svolta che consente di creare davvero innovazione.

Domande quali “Questa funzionalità crea valore perché conosciamo davvero la realtà del cliente, o stiamo solo facendo ipotesi?”, devono spingerti ad organizzare interviste con le persone più adeguate a quel processo, affinché possano colmare tutti i dubbi.

Collaborare per far scattare la “magia”

Far collaborare le persone giuste, magari in un workshop, è essenziale e può produrre risultati senza dubbio migliori rispetto a lavorare in team focalizzati solo su aspetti tecnico o solo su aspetti funzionali.

In Axiante lavoriamo in team multidisciplinari proprio per questo: arrivare a trovare la soluzione ad un problema per noi non è mai compito di una singola persona o di un team composto da professionisti tutti della stessa area.

Lavorare in questa modalità moltiplica in modo esponenziale la potenza del team durante la fase di progettazione, e consente più facilmente di avvicinarsi agli obiettivi di business dell’utente.

Audacia nei test

Dopo aver definito team e obiettivi, puoi iniziare con la fase del “fail test”. Questa fase è uno dei pilastri fondamentali per lo sviluppo Agile, e consiste nella selezione tra differenti soluzioni.

A cosa serve? Lo scopo è di trovare le idee migliori, ed eliminare quelle non ottimali tramite l’utilizzo di processi di modellazione tecnici ed orientati all’utente.

In questo momento il potere della squadra entra in gioco: può rendere tangibili le soluzioni, facendo ad esempio creare un mockup UX tramite software quali Figma e XD ai designer, mentre l’altra parte del team si occuperà degli aspetti più tecnologici.

Il mio consiglio è di governare il flusso delle idee esplorando le opzioni digitali facendo leva il più possibile sugli approcci Agile.

Non smettere di ascoltare

Ecco che l’idea vede la luce: il prototipo.

Dopo averlo creato non fermarti, mostralo agli utenti e chiedi un feedback. Se la raccolta dei requisiti è stata fatta nel modo corretto, avrai sicuramente un riscontro positivo. Tuttavia può succedere di non captare subito tutte le esigenze, non scoraggiarti: le iterazioni continue fanno parte della metodologia stessa, servono a rendere unica e ad alto valore aggiunto la soluzione.

 In conclusione, come avrai notato, dalla premessa ai tips, c’è un filo conduttore: le persone.

L’aspetto tecnologico è sicuramente fondamentale, ma non vanno mai persi di vista gli stakeholders: la soluzione non deve essere infatti fine a sé stessa, ma deve portare valore.

E per raggiungere questo valore, io penso sia necessario far ruotare la realizzazione intorno agli utenti, ma anche al team che andremo a formare.

Il Service Design Thinking unito all’Agile ci permette di trovare opzioni a cui non avevamo pensato in passato, innovative, centrate sulle reali esigenze e ci mette nelle condizioni di poter garantire il successo al nostro progetto. 

Vuoi sapere di più su di noi? Visita la sezione dedicata e restate sintonizzati per altri approfondimenti, tramite la nostra sezione Insights oppure sulla nostra pagina Linkedin.

Mirko Gubian

Mirko Gubian

Uso il Design Thinking per aiutare i team a concentrarsi sui propri utenti e a trovare il giusto modo per sfruttare le idee.

Close Menu